• Educazione Terapeutica

    L'Educazione Terapeutica consiste nell’aiutare il paziente e la sua famiglia a comprendere la malattia ed il trattamento, a collaborare alle cure, a farsi carico del proprio stato di salute ed a conservare e migliorare la propria qualità di vita.
  • Gestire le emozioni

    Imparare a riconoscere e nominare le proprie emozioni è il primo passo per tollerarle meglio. Le terapie cognitivo-comportamentali di terza generazione, attraverso esercizi esperienziali, aiutano a sviluppare una maggiore consapevolezza dei propri vissuti e ad individuare le personali direzioni che si vogliono percorrere.
  • Migliorare l' Autostima

    L’Autostima viene alimentata da apprezzamenti che riceviamo dall’esterno, da quello che gli altri pensano di noi, ma SOPRATTUTTO da quello che noi abbiamo interiorizzato e pensiamo di noi stessi!
  • 1
  • 2
  • 3

Educazione Terapeutica nel paziente Obeso e BED

L’Educazione Terapeutica nasce negli anni ‘70 in Svizzera, come nuovo paradigma di cura per il diabete, grazie al Prof. Jean Philippe Assal.

Nel 1998 l’Organizzazione Mondiale della Sanità la definisce come uno strumento essenziale per migliorare la qualità di vita dei malati cronici aiutando “il paziente e la sua famiglia a comprendere la malattia ed il trattamento e a farsi carico del proprio stato di salute” e la considera “parte fondamentale del trattamento a lungo termine di diverse patologie” tra le quali l’obesità.

Educazione terapeuticaL’obesità è una malattia cronica che necessita di una terapia continuativa per permettere un mantenimento del peso perduto nel lungo tempo. L’Educazione Terapeutica può favorire l'autonomia della scelta ed il senso di responsabilità del paziente obeso, rendendolo così, protagonista attivo della cura. Non sostituisce i trattamenti medici o chirurgici ma li affianca e li facilita, aumentando la cosiddetta aderenza alla cura.

Il percorso esperienziale di Educazione Terapeutica si propone di:

  • Perdere peso mantenendo il piacere del mangiare; 
  • Riacquistare un sano rapporto tra il cibo ed i sensi; 
  • Sviluppare uno stile di vita più attivo;
  • Gestire lo stress;
  • Sviluppare la capacità di tollerare le emozioni negative;
  • Scegliere ciò che si vuole fare della propria vita rispettando i valori personali;
  • Prevenire le possibili ricadute